Base
Nome e Cognome

Brunella Bonetti

Tipologia Socio

Socio individuale

Numero tessera

191

Regione

Lazio

Area Metropolitana (provincia)

Roma

CAP

189

Titoli

– Laurea triennale in Antropologia Culturale (Università, La Sapienza)

– Laurea magistrale in Studi Demo-etno-Antropologici (La Sapienza)

– Master di ricerca in Antropologia e Psicologia Sociale (UFR Departement de Sciences Humaines Cliniques, Université de Paris 7 Diderot)

– Diploma Universitario in Entopsichiatria e mediazione culturale (Université de Paris XIII, Bobigny)

– Dottorato di ricerca in Etnopsicoanalisi e psicopatologia sociale (Université de Paris 7 Diderot – Centre de Recherches
Psychanalyse, Médecine et Société – Ecole Doctorale)

Bionota

Il mio nome è Brunella Bonetti. Sono un’antropologa culturale e da molti anni mi occupo, in diversi
modi e settori, di intercultura, cooperazione e sviluppo, studi di genere, etnopsichiatria e psicologia
sociale, studi sull’area Mediterranea, e studi storico-religiosi.
Fin dal 2009, uno dei miei principali settori di interesse, formazione. ricerca ed esperienze
lavorative riguarda la difesa dei diritti umani delle popolazioni più disagiate, l’etnopsichiatria o
etno-psicologia sociale, e le dinamiche migratorie. Durante gli anni di Università, presso il
Dipartimento di Antropologia Culturale della Sapienza di Roma, mi sono specializzata in
etnopsichiatria con il prof. Schirripa. Ho avuto esperienze dirette con i richiedenti asilo e i rifugiati
lavorando come antropologa e mediatrice culturale presso l’ospedale San Gallicano di Roma a
fianco della dott. Mariaconcetta Segneri.
Successivamente ho effettuato sei mesi di tesi all’estero in un Centro di Parigi per richiedenti asilo.
Grazie a tali esperienze ho scritto una tesi di laurea magistrale sul ruolo dell’antropologo nella presa
in carico del disagio socio-psicologico dei migranti e dei richiedenti asilo, in particolare le donne.
Ho proseguito il filone questo filone di studi a Parigi con un Diploma professionale in
etnopsichiatria condotto da Marie Rose Moro a Paris 13 concluso con la scrittura di un dossier sulla
presa in carico di una donna richiedente asilo.
Nello stesso anno ho frequentato e ho ottenuto un master di II livello a Parigi 7 in Antropologia
Psicoanalitica con una tesi multidisciplinare in studi di genere e psicoanalisi sociale.
Tale percorso di studi, ricerche ed esperienze in antropologia, etno-pscicologia, studi di genere e
migrazione, è culminato con la discussione della tesi di Dottorato in Antropologia e Psicologia,
presso il Centre de Pscyhanalyse et Psychopatologie, dell’Università di Paris VII Diderot.
Parallelamente all’attività accademica, ho portato avanti un lavoro di ricerca autonomo, con
l’obiettivo di approfondire alcune tematiche di interesse più direttamente legate alla cooperazione
internazionale. Tra queste : la progettazione sostenibile, l’antropologia ambientale, il turismo
solidale, la bioedilizia, l’arte-terapia, la permacultura, ecc. Inoltre, ho avuto modo di fare diverse
esperienze sul campo lavorando per alcuni anni come guida nel turismo sostenibile internazionale,
viaggiando come woofer in
farm australiane, vivendo per brevi periodi in eco-villaggi i vari paesi
del mondo e partecipando a diversi progetti di sostenibilità sociale e ambientale imparando molto di
scambio e integrazione socio-culturale, comunicazione non violenta, sviluppo locale, permacultura,
ed altre pratiche o approcci volti a progettare e sviluppare sistemi integrati umani e naturali, e a
favorire uno sviluppo socio-ambientale sostenibile.
Il mio cursus accademico, l’iter lavorativo e le attività di ricerca che ho condotto negli anni hanno
sempre seguito una linea olistica e multidisciplinare basata sullo studio teorico delle fonti, ma anche
l’esperienza diretta di terreno. Ciò non è casuale, in quanto, come antropologa e attivista credo che
le professioni, gli studi, le ricerche e le attività di stage o volontariato in ambito culturale, sociale e
psicologico, nella difesa dei diritti umani, e nello sviluppo sostenibile locale, si arricchiscano
reciprocamente. Nel mio caso, riconducono alla passione principale che è stata la linea guida del
mio percorso, quella di sviluppare e promuovere la cooperazione e lo scambio tra le genti e le
culture del mondo sia a livello di comunità che internazionale. Mondi globali e mondi glocali
insomma !

©2022 ANPIA – Associazione Nazionale Professionale Italiana di Antropologia via Milazzo 8, 40121 Bologna (BO)    C.F. 91387280372

CONTATTACI

Sending
Area Soci

Log in with your credentials

Forgot your details?