Roma, 28/02/2019

Al Ministro per i Beni e le Attività Culturali

On. Alberto Bonisoli

ministro.segreteria@beniculturali.it

Al Capo di Gabinetto

Dott.ssa Tiziana Coccoluto

gabinetto@beniculturali.it

Ai Sottosegretari

Sen. Lucia Borgonzoni

sottosegretario.borgonzoni@beniculturali.it

On. Gianluca Vacca

sottosegretario.vacca@beniculturali.it

Al Segretario Generale

Dott. Giovanni Panebianco

sg@beniculturali.it

All’Ufficio Legislativo

Avv.to Lorenzo D’Ascia

ufficiolegislativo@beniculturali.it

Alla Direzione Generale Organizzazione

Dott.ssa Marina Giuseppone

dg-or@beniculturali.it

Alla CGIL FP Beni culturali

meloni@fpcgil.it

Alla CISL FP Beni culturali

fp@cisl.it

Alla UIL PA Beni culturali

uilpa@uilpa.it

Alla CONFSAL-UNSA Beni culturali

info@unsabeniculturali.it

Alla FLP BAC Beni culturali

info@flpbac.it

Alla USB PI Beni culturali

beniculturali@usb.it

p.c. Alla Direzione Generale Musei

Dott. Antonio Lampis

dg-mu@beniculturali.it 2

Alla Direzione Generale Archeologia, belle arti e paesaggio

Dott. Gino Famiglietti

dg-abap@beniculturali.it

Alla Direzione Generale Educazione e ricerca

Arch. Francesco Scoppola

dg-er@beniculturali.it

Al Servizio VI della Direzione Generale Archeologia, belle arti e paesaggio e all’Istituto Centrale per la Demoetnoantropologia

Dott. Leandro Ventura

dg-abap.servizio6@beniculturali.it

Al Presidente del Consiglio Superiore per i Beni Culturali e Paesaggistici

presidente.consup@beniculturali.it

consiglio.superiore@beniculturali.it

Alla SIAC

presidenza.siac@gmail.com

Alla SIMBDEA

segreteria@simbdea.it

Alla SIAA

siantropologiapplicata@gmail.com

Alla ANPIA

info@anpia.it

Alla Scuola di Specializzazione in beni demoetnoantropologici dell’Università degli Studi di Perugia

ssbdea.unipg@libero.it

Alla Scuola di Specializzazione in beni demoetnoantropologici della Sapienza Università di Roma

pino.schirripa@uniroma1.it

 

Oggetto: Beni culturali demoetnoantropologici: attivazione del ruolo dirigenziale. 

I sottoscritti funzionari demoetnoantropologi, assunti dal Mibac in quanto vincitori del concorso pubblico indetto mediante decreto Interministeriale 204/2016, intendono sottoporre all’attenzione  delle SS.LL. la necessità che venga attivato il ruolo di dirigente demoetnoantropologo nel Ministero. Allo scopo fanno presente quanto segue.

Il concorso in cui sono risultati vincitori è stato il primo che ha compreso anche il profilo tecnico-scientifico di demoetnoantropologo. Com’è noto, questo profilo è stato istituito nel 2001 in applicazione al Regolamento del Mibac del 2000 (D.P.R. n. 441/2000), con cui è stata riconosciuta ai beni demoetnoantropologici la corretta visibilità e nominalità, anche in coerenza con la legislazione di tutela vigente all’epoca (Testo Unico, D.Lgs 490/1999). Tuttavia, nonostante tale riconoscimento – confermato in tutti i successivi regolamenti del Ministero e suffragato dalla successiva, attuale, legge di tutela, Codice dei beni culturali e del paesaggio –, fino al 2016 non vi sono stati concorsi per il profilo di demoetnoantropologo, che in prima applicazione è stato attribuito soltanto al personale già in servizio in possesso dei congrui titoli di studio.

Dunque il concorso indetto nel 2016 ha sanato una disparità fra gli ambiti di tutela individuati dall’articolo 2 del Codice: una disparità che ha penalizzato fortemente il settore disciplinare demoetnoantropologico, rimasto a lungo privo delle figure tecnico-scientifiche in grado di operare con la corretta competenza su una materia che si presenta distinta e complessa.

Anche oggi, nonostante questo importante passo avanti, i funzionari demoetnoantropologi rappresentano un gruppo quantitativamente inadeguato a coprire le necessità delle strutture centrali e periferiche, e auspicano pertanto che vi possa essere una sensibile integrazione numerica dei punti organico e dei funzionari assunti con i prossimi concorsi.

Resta, tuttavia, da affrontare un ultimo passaggio, rimasto ancora insoluto, nel processo di equiparazione dei beni etnoantropologici ai beni archeologici, architettonici e storico-artistici, ovvero la questione della dirigenza.

Di fatto, la mancanza del ruolo di dirigente demoetnoantropologo nel Ministero ostacola la possibilità di un’efficace azione amministrativa per questi beni, che presentano specificità e peculiarità non riducibili ad alcun altro settore disciplinare presente nel Mibac. La necessità di attivare il ruolo dirigenziale di demoetnoantropologo dovrebbe dunque essere prioritariamente un’esigenza dello stesso Ministero, che riconosce tali beni ed è interessato a una loro corretta gestione.

Ma la mancanza del ruolo di dirigente demoetnoantropologo nel Ministero crea anche un grave ostacolo alle legittime aspirazioni di carriera dei funzionari del Mibac, impegnati nelle delicate attività di tutela e valorizzazione dei beni a essi affidati. I funzionari neo-assunti e gli altri ancora in servizio, in possesso dello stesso profilo, restano pertanto discriminati rispetto ai funzionari di altri profili, senza che ve ne sia una reale motivazione.

I sottoscritti chiedono dunque alle SS.LL. che il Mibac attivi il ruolo dirigenziale di demoetnoantropologo con la necessaria urgenza, portando a definitivo compimento un percorso oggi acefalo, sanando una mancanza ormai inaccettabile, consentendo al patrimonio demoetnoantropologico la piena equiparazione con gli altri settori disciplinari e riconoscendo ai funzionari in possesso del profilo di demoetnoantropologo di poter accedere alla dirigenza secondo i canali normativamente previsti.

 

 

I funzionari demoetnoantropologi neo-assunti: 

Paola Abenante, Polo museale del Lazio, paola.abenante@beniculturali.it

Patrizia Maria Laura Cirino, Polo museale dell’Emilia Romagna, patriziamarialaura.cirino@beniculturali.it

Mariantonia Crudo, Soprintendenza A.B.A.P. dell’Abruzzo, mariantonia.crudo@beniculturali.it

Alessandro D’Amato, Soprintendenza A.B.A.P. per le province di Brindisi, Lecce e Taranto, alessandro.damato@beniculturali.it

Gaia Delpino, Museo delle Civiltà, gaia.delpino@beniculturali.it

Rosa Anna Di Lella, Istituto centrale per la demoetnoantropologia, rosaanna.dilella@beniculturali.it

Antonella Iacovino, Soprintendenza A.B.A.P. per le province di Catanzaro, Cosenza e Crotone, antonella.iacovino@beniculturali.it

Fabrizio Magnani, Soprintendenza A.B.A.P. della Basilicata, fabrizio.magnani@beniculturali.it

Claudio Rizzoni, Soprintendenza A.B.A.P. per la città metropolitana di Genova e le province di Imperia, La Spezia e Savona, claudio.rizzoni@beniculturali.it

Valeria Trupiano, Direzione generale A.B.A.P., valeria.trupiano@beniculturali.it

Alessia Villanucci, Direzione generale A.B.A.P., alessia.villanucci@beniculturali.it

0 Comments

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

CONTATTACI

Sending

©2019 ANPIA – Associazione Nazionale Professionale Italiana di Antropologia via Milazzo 8, 40121 Bologna (BO)    C.F. 91387280372

Area Soci

Log in with your credentials

Forgot your details?